Un aiuto per disabili e anziani contro le barriere architettoniche

Le barriere architettoniche rappresentano sicuramente uno dei problemi più rilevanti dinnanzi cui si trovano soprattutto i disabili e gli anziani (e comunque in generale tutti coloro che hanno quotidianamente problemi a muoversi). Quando ci si trova in queste condizioni, sia che si viva sulla sedia a rotelle che non, le scale di casa rappresentano un ostacolo davvero insormontabile. E cosa c’è di peggio che sentirsi prigionieri in casa propria precludendosi il godimento totale della propria abitazione?

Il servoscala, altrimenti noto come montascale, è uno strumento che viene in aiuto di anziani e disabili e permette loro di salire le scale e lasciarsi, dunque, le barriere architettoniche alle spalle. L’accessibilità, dunque, diventa totale con un notevole incremento della qualità della vita.

Tipologie e installazione

Esistono diverse tipologie di servoscala e ciascuna viene appositamente pensata per essere installata su determinate strutture o scale. Per le scale rettilinee (sia per quanto concerne quelle esterne che quelle interne) esistono i servoscala dotati di piattaforma. Questi sono caratterizzati da lavori brevissimi per l’installazione che si riesce ad effettuare davvero in pochi giorni. Inoltre, la struttura preesistente non deve assolutamente essere modificata. I servoscala dotati di piattaforma sono anche poco ingombranti dal momento che quando non vengono utilizzati possono essere richiusi su se stessi e, quindi, risultare quasi una cosa sola con la parete.

Le scale con andamento curvilineo sono da sempre un vero e proprio incubo per chi ha un deficit di mobilità. In questi casi è possibile ricorrere all’ausilio di un servoscala con pedana specificatamente studiato per le scale curve. E’ perfetto anche per un percorso particolarmente tortuoso e ripido da percorrere in maniera silenziosa, confortevole e sicura.

Per i percorsi esterni caratterizzati da una maggiore lunghezza (fino decine e decine di metri) esistono i servoscala con pedana. I materiali utilizzati per l’installazione, in questo caso, vengono sempre trattati in maniera particolare perché trovandosi prevalentemente all’esterno possono essere soggetti alle intemperie.

Sui servoscala è possibile stare in carrozzina o utilizzarli stando seduti sulla poltroncina in dotazione. I servoscala dotati di piattaforme o pedane sono utilizzati dagli anziani o dai disabili che desiderano salire le scale (o comunque superare l’ostacolo) rimanendo seduti sulla sedia a rotelle. Sui servoscaae dotati di apposita poltrona è possibile sedersi per salire comodamente le scale. Per ovvi motivi di tipo logistico, molto spesso i primi vengono preferiti dai disabili. I secondi, invece, sono la preferenza assoluta degli anziani che ancora deambulano autonomamente ma che hanno problemi con le scale o i gradini.

Chiunque volesse installare all’interno della propria abitazione un montascale o un servoscala può usufruire delle agevolazioni fiscali relative all’abbattimento delle barriere architettoniche. Infatti, il cosiddetto Decreto Sviluppo è stato recentemente prorogato fino al termine del 2016. E’ possibile, in base al testo normativo, detrarre fino al 50% dei costi sostenuti per installare un dispositivo di questo tipo, entro un massimale stabilito dal legislatore. Per poter usufruire di questa detrazione bisogna effettuare le spese relative all’opera esclusivamente mediante bonifico, da cui si possano evincere dati fondamentali come le clausole e i dettagli sia sul pagatore che sul beneficiario. Per quanto concerne le agevolazioni sull’installazione di un servoscala in aiuto di disabili ed anziani avvenuta su una parte comune di un condominio, bisogna indicare (all’atto del pagamento) anche il codice fiscale dell’edificio condominiale e quello degli amministratori. In ogni caso, ogni fattura o ricevuta va conservata con estrema cura perché può essere necessario esibire a chi di competenza questi documenti in qualsiasi momento.

Costo e incentivi

Il costo totale di un’operazione di questo tipo è impossibile da stabilire a priori. Vanno, infatti, tenute in considerazione diverse variabili, come il collocamento esatto del servoscala (interno o esterno), il tipo di scala (dritta o curva), il numero di rampe che occorre coprire e quale sia il modello di prodotto che maggiormente si addice alle esigenze del cliente. In ogni caso, in base a quanto stabilito dall’articolo 3.3 della legge 104/92, le spese per l’installazione di un servoscala sono soggette anche a detrazione fiscale del 19%. Questa è valida sulla spesa totale ed è spettante al familiare che ha a carico il disabile per cui si effettuano i lavori. Le agevolazioni fiscali citate, però, non sono cumulabili tra di loro.

Sia per quanto riguarda i montascale che per i servoscala, esiste l’obbligo assoluto di rispettare quelle che sono le normative vigenti in merito alle barriere architettoniche ed al loro abbattimento. Si tratta, in definitiva, di un argomento in continua evoluzione, specialmente nell’ultimo ventennio. Le leggi interessate sono, innanzitutto, la Legge 13/1989 sull’eliminazione delle barriere architettoniche all’interno delle abitazioni private e il DPR 503/1996 per la loro eliminazione negli edifici pubblici. Seguono le disposizioni della Legge 104/1992 sui diritti delle persone con handicap, la Legge 41/1986 sui bilanci annuali e pluriennali dello Stato e il DPR 42/1995 riguardante le affissioni pubblicitarie in ascensore per sostenere qualsiasi intervento a vantaggio degli handicappati. Infine, devono essere rispettati il DPR 333/2000 riguardante i diritti lavorativi di ogni persona disabile e la Legge 6/2004 sulle regole per istituire eventuali amministratori di sostegno.

Un semplice utilizzo

L’utilizzo dei servoscala, poi, è semplicissimo. Non occorre alcuna fatica in quanto è sufficiente salire in pedana con la propria carrozzina, assicurarla per evitare che si muova durante la salita/discesa, sedersi se si tratta di un servoscala con poltroncina, premere un pulsante ed attendere di arrivare a “destinazione”. Tutto il movimento di questi meccanismi è assolutamente meccanico per cui nessuno sforzo dovrà essere fatto dall’anziano o dal disabile per richiudere la piattaforma. Ogni servoscala è studiato per poter essere gestito in totale autonomia. Ecco spiegata la motivazione per cui questi strumenti sono dei veri e propri sussidi divenuti ormai indispensabili per il miglioramento della qualità della vita di persone la cui esistenza è già fortemente segnata dai grandi acciacchi della vecchiaia o, peggio ancora, dalle più svariate forme di handicap. Senza considerare, poi, l’enorme aiuto fornito alle famiglie di queste categorie: un aiuto di cui solo chi sta vivendo una vita insieme ad una persona affetta da queste problematiche può capire il vero valore. Grazie agli incentivi pensati dallo Stato, poi, è possibile usufruire di vantaggi non indifferenti, per cui, come recita un vecchio motto “il gioco vale la candela”, perché nulla è più importante della felicità di chi ci sta accanto.