Varie tipologie di ipoteca a privati

Esistono diverse tipologie di ipoteca privati, a seconda del tasso di interesse che viene applicato ad essi. Possiamo vedere per prima un’ipoteca variabile, ovvero il classico modello di ipoteca senza una durata fissa. La vita dell’ipoteca, infatti, varia a seconda dell’andamento dei tassi di interesse sul mercato dei capitali. Solitamente questo tipo di ipoteca ha anche il vantaggio di poter essere disdetta in un qualunque momento, con preavviso di 6 mesi. L’ipoteca fissa, invece, prevede un tasso di interesse che rimane costante per tutta la durata della stessa. In questo caso è possibile scegliere un’ipoteca che ha una durata fissa, optando di solito per un minimo di 2 anni ed un massimo di 10 anni, oppure un’ipoteca fissa con pacchetti combinati. In questo caso ci si vuole proteggere da un aumento dei tassi e, per questo, si scelgono diversi pacchetti, ognuno dei quali ha una durata di 6 anni almeno. Il credito che si ottiene viene dunque diviso in parti uguali tra i pacchetti, in maniera da poter avere una maggiore possibilità di stilare un proprio budget periodico. C’è poi l’ipoteca privati Libor, che viene indicizzata proprio al tasso LIBOR. Il vantaggio di questo credito ipotecario lo si in maniera maggiore se si pensa che i tassi possano scendere in futuro e dunque si vuole sfruttare al massimo tale vantaggio. In questo tipo di crediti rientra anche quello “verde”, pensato per ammodernare un vecchio appartamento o una vecchia casa e, per farlo, si va alla ricerca di un finanziamento semplice e conveniente.